Tutto l’universo obbedisce all’amore

Siamo ormai a meno di un mese dal quarto appuntamento col Mahabharata, a Volterra, tra Pisa e Siena. Son qui a chiedermi quali emozioni mi suscitò l’ultimo seminario e … ricordate la canzone di Franco Battiato? La mia impressione è che Marco Ferrini nel seminario di primavera abbia parlato proprio di questo: ci sono leggi che regolano l’universo e l’amore è la legge suprema.BattiatoAscolta la canzone di Battiato-Consoli
Ma quanti fraintesi su questa parola di cinque lettere!
L’ultima lettura del Mahabharata fatta dal Maestro, attraverso la storia del re Jajati, ci ha fatto riflettere sulla morte e sul dharma. La morte come ultima di un’infinita quantità di prove propedeutiche, innumerevoli morti che l’essere umano deve affrontare da vivo: morte di relazioni, di convinzioni, di illusioni, morti necessarie per far spazio a successive rinascite, a quell’evoluzione della coscienza che altrimenti non potrebbe darsi. Non sempre ciò che ri-nasce è migliore di quello che muore, non è una questione di migliore o peggiore, si tratta del percorso individuale di ciascuno di noi verso la grande rappresentazione che verrà messa in scena nel passaggio fatale. Durante i seminari del Maestro su Bhagavadgita e Divina Commedia, rimasi non favorevolmente sorpreso dalle affermazioni, diverse nella forma, ma concordanti nella sostanza, che attribuivano all’istante della morte un valore così enorme da determinare il destino nell’aldilà. Non mi convinceva che un pentimento dell’ultimo momento o un’emozione in punto di morte, potessero essere così determinanti. Mi sbagliavo: in quel mutamento del cuore (ammesso che mutamento ci sia) c’è tutto il percorso di una vita, è l’istante in cui maturano gli sconosciuti (perché inconsapevoli) semi del mondo interiore, invisibili, ma molto più importanti di tante cose ben evidenti ai nostri nervi ottici.
La domanda è: che cosa fa succedere tutto questo?
Sono leggi, di nuovo invisibili, scritte in nessuna costituzione di questo mondo, ma intuite da chi abbia conquistato una visione alta, trascendentale. Sono le leggi riassunte da Franco Battiato in quella canzone. Sono le leggi che ci ricollocano al nostro posto in questo infinito universo di cui mai la nostra mente potrà avere ragione.
E non parlo delle leggi della matematica e della fisica che già per Isac Newton erano “pensieri di Dio”, ma delle invisibili relazioni tra il nostro mondo interiore, le nostre azioni e quel che ci accade: possiamo pensare che esistano leggi di azione-reazione che non appartengono al mondo fisico? La dottrina del Karma le presuppone ed i testi sapienziali, attraverso l’interpretazione dei maestri, tentano di illustrarcele. C’è qualcosa che non può non sfuggirci, è il mistero in cui bisogna penetrare per affrontare con serenità ciò che l’essere umano teme sopra ogni cosa.
Per questo ritengo degno di nota un evento come quello prossimo di Volterra, dove attraverso l’ascolto di antiche storie ci è data l’opportunità di avvicinare la nostra coscienza al palpito potente e nascosto della legge a cui tutti gli universi obbediscono.

3 commenti su “Tutto l’universo obbedisce all’amore”

  1. Grazie per queste tue riflessioni che mi sono così familiari…. Anche a me questa canzone associa le medesime intuizioni

  2. Caro Graziano, Omaggi. Jaya Shrila Prabhupada! Dopo aver tentato un paio di volte, solo stasera son riuscito a leggere il tuo bell’articolo, di cui ho molto apprezzato l’interpretazione che hai voluto dargli. Di fatto, ogni angolazione della Verità ha il suo inconfondibile sapore ed è un rasa per cui val bene dedicargli la vita, e dunque vivere come molti mistici han vissuto, a prescindere dalla tradizione, dalla latitudine e dall’epoca storica in cui son nati.
    Con gratitudine spirituale affetto, Matsyavatara das

  3. Caro Amico, grazie di ogni tua riflessione ..Ciò che giorno per giorno apprendo..E sempre più mi appare chiaro..E’ che non attraverso la ragione, intesa come atttività raziocinante, possiamo pretendere o anche solo sperare di “avvicinarci” ad una qualunque “realizzazione”…Per accostarsi alla più semplice esperienza d’ Amore…Dobbiamo inevitabilmente innalzarci ad altra vibrazione E questo è pratica…La nostra volontà, pur qualità dell’ Atman…Da sola non basta : L’ Amore è un incontro ! Meglio : un appuntamento … L” uomo ,Alef, si protende verso il Cielo… Antenna ricetrasmittente che ha perduto memoria : di sè , del Cielo in sè… Torniamo a seminari- e chi non può all’ ascolto…Quante cose, caro Amico, nel corso di questi anni ci hanno” parlato”…Spiegato…Aiutato…E’ venuto ora il momento..Di arrendersi all’Amore .Lasciare che svolga la sua azione trasformante … Questo è “obbedire” all’ Amore .. Questo è “purnam”…Pienezza d’ Amore..A partire da ogni piccola cosa. Ogni giorno… Il Viaggio è qui : ora, in ogni nostra risposta..Spesso il Maestro ci ricorda che “Uccelli dalle stesse piume, volano insieme …” Ti immagino volare..Nel cielo azzurro della tua isola d’ Elba..Che ho sempre tanto amato…Chissà se un giorno ….Sapremo ri-conoscerci….Nella felicità che questi anni, queste frequentazioni e questo insegnamento ci hanno dato…Un abbraccio Liliana

Rispondi